Daniela Pilan

Daniela Pilan, nata a Torino nel 1965, è medico di famiglia a Sangano (TO), dove vive e lavora. Ha ideato e curato questo libro con le sue figlie, Erika e Beatrice Di Murro. La prima, del 1995, è studentessa di Architettura e Design della Moda all’Università San Raffaele di Roma. La seconda, del 1999, studia Economia Aziendale all’Università di Torino.

 

Marco Raiteri

Nato a Torino nel 1986, Avvocato, Mediatore Civile, Dottore di Ricerca in Diritto, Persona e Mercato, nonché vincitore di numerosi premi per meriti accademici, ha sempre affiancato la propria formazione giuridica alla passione musicale.
Fin da ragazzo, ha diretto l’Orchestra Ensemble Giovanile Vianney, da lui stesso fondata; ha collaborato con l’Orchestra A. B. Michelangeli, con la Cororchestra Ragazzi del 2006 (poi Cororchestra del Piemonte) e con numerosi gruppi di ricerca sui cantautori italiani. Dal 2009 ha curato la direzione artistica dello show Fabrizio De André Remember, oggi trasformato nella nuova versione Fabrizio De André Remember 2.0,
spettacolo che si è fuso con l’esperienza del carcere grazie ai laboratori di Cinzia Morone nell’ambito del progetto Musica Dentro, da cui è nato questo volume.
Proprio nell’ottica della sinergia tra arte ed impegno sociale, collabora puntualmente agli sportelli di ascolto del cittadino per consulenze legali omaggiate alle fasce deboli; inoltre siede nel Consiglio Direttivo di alcune importanti Associazioni, Congregazioni e Confraternite, fra le quali merita ricordare la Pia Congregazione dei Banchieri, Negozianti e Mercanti e la Confraternita del S. S. Sudario. Per il quadriennio 2019/2022 siede nella commissione ADR istituita presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Torino.
Con scopi benefici, umanitari e di solidarietà intergenerazionale ha fatto propri i valori di service della famiglia rotariana; in tal senso, dopo essere stato Presidente del Rotaract Torino Nord Est (anno 2016/2017), dal 2018 è socio del Rotary Club Torino Nord Est.
Nel 2019, sia per i propri meriti professionali, artistici ed accademici, sia per il costante servizio nel mondo del Volontariato, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella gli ha conferito l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine “al Merito della Repubblica Italiana”. 

 

Franco Canavesio

Mezzo veneziano e per l’altra metà sabaudo, ingegnere prestato alla poesia, ama l’arte e la musica di ogni genere. Suoi versi compaiono in numerose antologie e sono ospitati regolarmente sul foglio di poesia torinese Amadomio. Del 2018 il catalogo della Mostra antologica L’anima Sognante vede le sue poesie affiancate ai dipinti dell’artista Martha Nieuwenhuijs, un sodalizio consolidato sin dalla precedente pubblicazione, Canti e Incanti (2015). Del 2019 le raccolte di versi Risonando con gli amici e Custode del giardino con la prefazione di Mario Marchisio. Di lui hanno scritto Cristina Codazza, Alessandra Paganardi, Marvi del Pozzo, Alfredo Rienzi, Stefano Vitale.

 

Debora Brera

È nata a Pavia agli inizi degli anni 90. Ha sempre avuto una passione per la lettura, che è sfociata poi in quella per la scrittura. Da adulta ha continuato a scrivere ma in segreto, raccogliendo tutte le poesie per sé fino ad oggi, giorno in cui ha deciso di mettersi in gioco. Lavora nel mondo assicurativo nella metropoli di Milano dal 2013 e oltre alla scrittura ha come hobby la cinofilia e pratica Agility con il suo meticcio Shadow.

 

Mauro Occhi

Nato a Genova, 60 anni, sposato, due figli. Vive attualmente in Val Susa. Medico Pediatra, ha lasciato il suo lavoro all’Ospedale Gaslini di Genova alla fine degli anni ’90 per specializzarsi in legislazione sanitaria alla Emory University di Atlanta, USA.  Ha lavorato in oltre 30 paesi (Asia, Africa e Medio Oriente ) nella gestione di  programmi di sanità pubblica interventista, inclusi scenari di guerra e situazioni di crisi umanitarie.
È alla sua prima esperienza di scrittura.

 

Valeria Amerano

Valeria Amerano è nata a Torino, ove risiede. Ha cominciato a scrivere giovanissima e nella sua formazione ha seguito sempre percorsi di autodidatta. Ex insegnante, ha pubblicato, oltre a vari racconti brevi, In pugno alle stelle, Alzani 2004, Studio da carabiniere e ti sposo, Graphot 2009. Finalista al Premio Alga 2011, ha pubblicato il romanzo Non voltarti, abbiamo perso presso il Progetto Letterario Alga. Cura il periodico dell’Associazione Magistrale Niccolò Tommaseo, con sede in Torino.

Bonaventura Alfano

Nato nel 1944 a Melfi (PZ), da una povera famiglia contadina, nel 1962 si trasferisce a Torino per trovare lavoro. Nel 1965 entra a lavorare alla Fiat Mirafiori come operaio comune. Si distingue durante le lotte operaie dell’”autunno caldo” del 1969 e si iscrive alla Fiom e al Pci. Nelle elezioni amministrative del 1975, candidato dal Partito Comunista, entra in Consiglio Comunale a Torino. Nel 1976 viene candidato alla Camera. Alla fine del ‘79 rientra in fabbrica, pur mantenendo l’impegno in Comune. Alle amministrative del 1980 viene riconfermato in Sala Rossa e nel 1983 assume la carica di Assessore al Lavoro nella Giunta monocolore di Diego Novelli per nove mesi, dopodichè rientrerà per la terza volta in fabbrica dove rimarrà fino al 2000, quando andrà in pensione. Se ne andrà nel 2011 per una malattia incurabile.

Sante Bajardi

Nato nel 1926 a Torino, diventa operaio metalmeccanico e si diploma all’istituto Avogadro di Torino. Conclusa l’esperienza partigiana, il suo impegno continua nella militanza politica. Nel 1950 è dirigente del PCI a Torino, a Ivrea, nel  Canavese e nel Pinerolese, tra i lavoratori dell’Olivetti, della Chatillon, della RIV di Villar Perosa,  i minatori della Talco Grafite in Val Germanasca e poi alla tristemente nota IPCA di Ciriè. Dal 1975 al 1980 ricopre gli incarichi di Vice Presidente della Giunta Regionale del Piemonte e di Assessore regionale ai trasporti e alle opere pubbliche. Nel 1980 è nominato Assessore alla Sanità. Ha  fondato il CIPES Piemonte.

Silvano Baracco

Silvano Baracco (Silbar), nato a Valenza, ha pubblicato: Ulisse Odissea (romanzo), Lalli Ed. – 1980; I nostri primi 10 anni (Commedie della Compagnia del Carciofo, con AAVV) – 2009; Fondatore e webmaster dello spazio artistico-letterario Libereparole (non più attivo); Il giullare di Chesterfield, Edizione Edes (edizione on line); Graal, romanzo on line, curato con vari collaboratori.

Giusy Barbagiovanni Gasparo

Giusy Barbagiovanni Gasparo. Nel 1979 conclude gli studi all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino (Scenografia). Nel 1996 si laurea in Materie Letterarie (tesi Estetica musicale) con 110 e lode. Ha perseguito una continua ricerca: pittura, ceramica, scultura, incisione, costumistica, scenografia, maschere e trucco teatrale. Nel 1989 ottiene una borsa di studio dall’Institut International de la Marionnette di Charleville Mézières (Francia), per frequentare uno stage internazionale sulle marionette giapponesi del Kuruma Ninyo. Mostre personali, promosse da Enti pubblici, Teatri e prestigiose istituzioni culturali. “Musicarteatrale” è il punto di incontro tra le ricerche nell’ambito delle arti visive e dell’estetica musicale. Ha pubblicato “Musica e marionette” (Ananke 2003) e “Le identità del corpo-Viaggio nell’antropologia della danza.” (Ananke 2006).

 

Pier Giorgio Betti

Pier Giorgio Betti (Torino, 1930) ha percorso la carriera giornalistica nel quotidiano “L’Unità”. Ha fatto parte del Comitato Resistenza e Costituzione della Regione Piemonte, e collaborato con l’Istituto storico della Resistenza della Valle d’Aosta.
È autore di “Quelli della Morgnetta” (Aosta, 1995) e di “Fucili e fiamme all’ombra della Charmontane” (Torino, 2005).

Ezio Boero

Vive a Torino, dov’è nato nel 1954. S’avvicina alla politica attiva nel 1968 partecipando negli anni ad iniziative politiche, sindacali e ambientaliste. Tra i fondatori dei Comitati per la Difesa del Parco Sempione e Dora Spina Tre. Su queste esperienze di quartiere ha scritto anche “Governance urbana e conflitti territoriali in una Circoscrizione torinese”, visibile in rete.  ezioboero@tiscali.it

– il libro è citato nei Rapporti “Giorgio Rota” su Torino del Centro Einaudi, sia nel Tredicesimo rapporto del 2012 che nel Quattordicesimo del 2013, ediz.Guerini e Associati 

 

[clear_floats]