,

Marco Travaglini

Nato a Baveno, sul lago Maggiore, nell’autunno del 1957, vive ad Omegna, sul lago d’Orta, e lavora a Torino. Giornalista pubblicista, ha scritto per i quotidiani L’Unità, La Prealpina e Il Riformista e collabora a numerosi periodici e riviste. È stato tra i fondatori del periodico “Il VCO”. Da anni cura una rubrica sul settimanale “Eco Risveglio”. Autore di narrativa e saggistica, fa parte del GISM, il gruppo italiano scrittori di montagna. Nel 2010 si è aggiudicato, nella sezione saggistica, il premio nazionale “Salviamo la montagna” con un saggio dal titolo ”19 dicembre 1943, il riscatto dei montanari”, dedicato alla Carta di Chivasso. Nel 2003 ha curato il volume “Le montagne dei nordovest”. Tra i suoi libri, in gran parte pubblicati da Impremix Edizioni Visual Grafika: “Alpinia, un balcone fiorito sul lago Maggiore”, “In quota. Montagna e turismo, equazione imperfetta (con il giornalista Mauro Rampinini, ottenendo il riconoscimento speciale della giuria nel 2003 al Premio Stresa di Narrativa), “Il mostro del lago”, “Tempo lento” (con il quale riceve nel 2007 il Tau d’Oro – Premio Internazionale  della TV e della Comunicazione Europea), “La Repubblica dei pescatori” ( Targa giuria Premio Stresa 2008), “Quando la notte si mangia le stelle” (Targa Speciale Premio Stresa di narrativa 2009), “Era più bianca la neve” (con Barbara Castellaro), “La curva dei persici”, “L’orologio conteso”, “Bruciami l’anima”, “Voi personaggi austeri, militanti severi”, “Note a margine”. “Il tempo dei maggiolini” e “Bosnia, l’Europa di mezzo. Viaggio tra guerra e pace, tra Oriente e Occidente” (Infinito Edizioni) sono i suoi ultimi libri.